Iniziative molto valide per aiutare ci procede all’acquisto di un laptop:

TuxMobil – Linux With Laptops and more

Su questo sito web è possibile trovare svariate procedure di setup per diversi tipi di laptop. E’ consigliato verificare questo sito una volta identificato il modello desiderato per verificarne la piena compatibilità

http://tuxmobil.org/

LinuxSi – Negozi Linux Friendly

In queste pagine è possibile trovare tutti i negozi che sono attenti al mondo GNU/Linux e che offrono laptop più o meno liberi da altri sistemi operativi con pre-installato il pinguino

http://www.linuxsi.com/

Dell e Ubuntu

Negli Stati Uniti d’America Dell vende i suoi laptop con preinstallato Linux. Se non è possibile acquistarli direttamente li è possibile coprare lo stesso modello di notebook in Italia essendo quindi certi del funzionamento della procedura di setup di Ubuntu

linux-laptop.net – Linux on Laptop

Altro progetto simile a TuxMobil

http://www.linux-laptop.net/

Asus eeePc

Il ben noto progetto di Asus che ormai vede parecchi modelli di svariate “taglie” in commercio con una distribuzione GNU/Linux su misura

http://www.eeepc.it/

Acer Aspire One

Altro progetto simile ad Asus eeePc

http://www.acer.com/aspireone/

iPhone per globalizzati

12 luglio 2008

iPhone: acquisto di irresponsabili consumatori ignoranti e globalizzati che comprano “il bello” e poi si lamentano di tutto il suo contenuto.

http://youtube.com/watch?v=X7ysJbUPQbc

Questo video (anche se è il solito esempio di figli di papà americani annoiati) mi da una soddisfazione trementa.

Tornando in me sottolineo che la Free Software Foundation ha pubblicato un bel post sui 5 motivi per non comprare l’iPhone. Riassumendo:

  1. iPhone blocca completamente il free software. Gli sviluppatori devono pagare una tassa a Apple, la sola autorità in grado di decidere cosa possa funzionare sul telefono;
  2. iPhone sostiene e supporta la tecnologia Digital Restrictions Management(DRM);
  3. iPhone fornisce modi per tracciare i comportamenti degli utenti senza informarli;
  4. iPhone non permette di leggere formati DRM-free come Ogg Vorbis e Theora;
  5. iPhone non è l’unica opzione. Ci sono alternative migliori come Freerunner che rispettano la libertà degli utenti, non spiano, permettono di leggere formati liberi, e consentono di usare software libero.

Ho trovato anche un bel video di ICTV che, con approccio leggero e comunque superficiale, scherza sui limiti di questo affasciante contenitore di contraddizioni.

Per fortuna non siamo ancora arrivati al punto in cui ci obbligheranno a comprare questo o quello, ma temo che ci stiamo avvicinando velocemente.

Siamo alla deriva

10 giugno 2008

Attivissimo lo fa notare pacatamente nel suo blog. Cito anche la chiusura:

Siamo proprio sicuri di voler affidare le chiavi di tutti i nostri dati a una specifica azienda, che magari risiede in un paese che non offre diritti di riservatezza nemmeno sulla carta?

Saremo sempre più accecati dal bello e quindi non vedremo che ci stanno fregando; sta già succedendo.

Che delusione

External IP show

6 marzo 2008

Cavolatina per passare in console l’ip con cui si esce

#!/bin/bash

wget -q http://iplookup.flashfxp.com/
cat index.html
echo
rm index.html

Eee PC, complimenti

5 febbraio 2008

Mi sento obbligato da consumatore nonché da addetto ai lavori a fare i complimenti ad ASUS per la scelta di lanciare sul mercato un prodotto valido, semplice, tiny ma soprattutto libero! Chi l’avrebbe mai detto, dopo l’arrancare di DELL che lanciava buoni propositi ma con mooooltissimi vincoli ASUS ha messo la freccia ed ha aperto il mercato; l’impressione è che abbia letteralmente sbancato, il prodotto non si trova e le prima consegne verranno effettuate nei prossimi giorni, lo sto cercando ma credo che l’attesa sia d’obbligo.

Vedendo le reviews sui vari siti di HW sembra davvero valida la scelta dell’OS, davvero a prova di dummies, ma soprattutto permette di avere una piattaforma mirata all’utilizzo del utente occasionale nonché del globtrotter. Come mi faceva notare un amico è perfetto anche per l’amministratore, piccolo e leggero ti permette di metterci i tuoi strumentini e di girare con uno schermo decente ma non ingombrante, con un processore che non soccombe e con un sistema operativo degno di essere utilizzato.

Quindi sono convinto che lo farò mio a breve; se poi qualcuno sa dove reperirlo or ora in Trentino ancora meglio, l’attesa è terribilmente tediante.

Per chi vuole vedere alcune foto consiglio il post nel blog di Giorgio Zarrelli.

Non mi va il compiuter!

13 gennaio 2008

Caro informatico, hai presente quando amici, parenti, colleghi, e chi più ne ha più ne metta vengono a chiederti “non mi va il computer, cosa sarà?” oppure “mi si è bloccata la stampante, si può far qualcosa?” oppure tutte quelle domande dove il richiedente non sa mai cosa vuole ma parla comunque?
Bene, siamo subbissati quotidianamente da richieste d’aiuto di persone che preferiscono aggrapparsi agli altri piuttosto che leggere una schermata dove le possibilità di scelta variano tra Avanti ed Annulla.
Diciamo che scrivo perché in questo periodo tale attività è andata intensificandosi vertiginosamente, gente con stampanti fantasma, notebook con draghi nel castello e lettori dvd tipo il lard disk di Cevoli. Il vero problema, come sollevato in un bel post trovato qui e li è che l’informatico non riesce mai a dire di no però le sue aspirazioni non sono certo quelle di mettere a posto 4 finestre oppure spostare 12 icone orizzontalmente, semplicemente un informatico si “diverte” quando tratta temi più complessi e, soprattutto nel mio caso, temi astratti più che concreti. Invece le persone pensano che tu hai la smania di sistemare le menate di Windows e se non lo fai o non ci riesci sei addirittura una chiavica. Perché pensano che sia ovvia la conoscenza da parte tua di qualsiasi schermata nascosta non so dove di qualsiasi benedetto software fatto da altrettanto benedetta software house di 3 dipendenti col fatturato da 10 euro l’anno che vende il gestionale per il distributore delle patatine all’angolo.
A queste persone chiedo una santa cortesia, convincetevi che uno che lavora con i computer 8 ore al giorno, che vive quotidianamente i problemi del suo desktop pur dovendo, che ne so, progettare reti piuttosto che scrivere software o risolvere i mal di testa dei suoi servers, non ha certo voglia la sera o nel week end di affliggersi con la freccetta del mouse che non si muove o con la posta elettronica che va lenta e che non manda allegati da 55mb in 30 sec con un modem analogico.

Io non ce l’ho certo voi care persone che non conoscete un sistema operativo o qualche applicativo, figuriamoci, mi girano le balle però quando qualcuno ti chiede una mano ancor prima di aver letto la schermata che spiega per filo e per segno cosa fare, dando per scontato che tanto il compiuter è difficile, che non lo si capisce e che quindi nemmeno ci provi.
Quando vi comprate un pc di solito lo attaccate alla corrente, lo avviate e fa tutto da solo senza dover fare chissà quale operazione fantasmagorica.

E poi non venite a chiedere come scarico i film o come rubo la musica, non lo faccio, e comunque non è automatico che uno del settore automaticamente lo faccia, non è così.

Io continuerò ad aiutare volentieri chi ci prova, smetterò invece di dare una mano a quelli che non hanno voglia di muovere un dito. E non è certo una questione economica.

Perdonate lo sfogo…

IOS Cisco: qualche Tips

5 novembre 2007

Mi capita spesso di aver la necessità di ricordare qualche comando per vedere i principali parametri di una connessione ADSL su un router cisco. Diciamo che questa pagina serve principalmente a me come memo e a voi come suggerimento.

Informazioni sul caller, l’interfaccia che effettua la chiamata dial-up

Con il seguente comando possiamo vedere il metodo di autenticazione (PAP, CHAP), l’ip pubblico assegnatoci dall’ISP ed il count dei pacchetti transitati dall’interfaccia Virtual-access:

sh caller full

Dettagli sulla potenza e la modalità di connessione

Per vedere la modalità di connessione DSL, la potenza del segnale ed altri paramentri sul modem (tra cui la velocità) possiamo usare sh dsl seguito dalla specifica dell’interfaccia ATM.

sh dsl interface ATM0

Cisco Discovery Protocol

Utile protocollo per la raccolta di informazioni sull’hardware cisco nella stessa subnet. Per vedere le informazioni è necessario attivare cdp:

conf terminal
  cdp run
exit

dopodiché utilizzare sh cdp per vedere le informazioni, per esempio suigli apparati vicini

sh cdp neighbors detail