Non hai veramente capito qualcosa finché non sei in grado di spiegarlo a tua nonna. (Albert Einstein)

Edizione 2009 dell’iniziativa volta a premiare gli articoli inerenti al tema delle libertà digitali, individuali e collettive.


Giovedì 5 febbraio 2009 – Anche nel 2009 LinuxTrent, associazione che raccoglie gli utenti Linux della Provincia Autonoma di Trento, ripropone il concorso “Scriviamo di Software Libero” nato per promuovere il giornalismo che parla di tecnologia con occhio critico e competente, riuscendo a spiegare a tutti i concetti fondamentali alla base del Software Libero. Chiunque potrà dunque segnalare un articolo pubblicato su periodici cartacei o digitali, riguardante l’etica del Software Libero ed i suoi possibili impieghi nella nostra società oramai informatizzata; le segnalazioni potranno essere effettuate scrivendo a concorso_giornalistico@linuxtrent.it riportando i riferimenti dello scritto. Tutti gli articoli raccolti entro il 30 settembre 2009 verranno valutati dalla giuria ed il vincente verrà premiato durante il LinuxDay di ottobre. Il regolamento del concorso nonché tutte le informazioni sullo stesso sono disponibili all’indirizzo http://www.linuxtrent.it/iniziative/concorso-giornalistico/.

Seconda edizione, nel 2008, del corso per nuovi utenti GNU/Linux. I docenti spiegheranno ai partecipanti come utilizzare il sistema ed i principali software.

LinuxTrent, in collaborazione con Computerinati, organizza un nuovo corso base.

Il corso si articolerà in 6 serate in cui si parlerà del sistema GNU/Linux e di Software Libero, di distribuzioni e suite d’ufficio, di navigazione internet e posta elettronica, di multimedia e molto altro.

I posti disponibili sono 15; il corso si terrà presso Villa Sant’Ignazio, in Via alle Laste 22 a Trento.

Maggiori informazioni sul programma, sulle modalità ed i costi di iscrizione sono disponibili nella pagina del corso.

Cogliamo l’occasione per ringraziare la Cooperativa Samuele dell’ospitalità.

Iniziative molto valide per aiutare ci procede all’acquisto di un laptop:

TuxMobil – Linux With Laptops and more

Su questo sito web è possibile trovare svariate procedure di setup per diversi tipi di laptop. E’ consigliato verificare questo sito una volta identificato il modello desiderato per verificarne la piena compatibilità

http://tuxmobil.org/

LinuxSi – Negozi Linux Friendly

In queste pagine è possibile trovare tutti i negozi che sono attenti al mondo GNU/Linux e che offrono laptop più o meno liberi da altri sistemi operativi con pre-installato il pinguino

http://www.linuxsi.com/

Dell e Ubuntu

Negli Stati Uniti d’America Dell vende i suoi laptop con preinstallato Linux. Se non è possibile acquistarli direttamente li è possibile coprare lo stesso modello di notebook in Italia essendo quindi certi del funzionamento della procedura di setup di Ubuntu

linux-laptop.net – Linux on Laptop

Altro progetto simile a TuxMobil

http://www.linux-laptop.net/

Asus eeePc

Il ben noto progetto di Asus che ormai vede parecchi modelli di svariate “taglie” in commercio con una distribuzione GNU/Linux su misura

http://www.eeepc.it/

Acer Aspire One

Altro progetto simile ad Asus eeePc

http://www.acer.com/aspireone/

Scopro solo ora l’esistenza di BrightSide che mi risulta essere già alla versione 1.4. Questo bellissimo tool permette con due click di configurare le mouse gestures per gli angoli del nostro desktop Gnome:

Si può impostare il delay per il tempo di permanenza necessario per eseguire l’operazione e lavorare sui bordi del cubo compiz (che non uso e non ho testato).

In poche parole permette di fare le stesse identiche cose di Expose per MacOSx. So che esiste anche kompose che mi dicono faccia le stesse cose per KDE.

Una bella esperienza

18 maggio 2008

Ebbene siamo arrivati a domenica 18, la ConfSL è passata e io sono soddisfatto. E’ stata davvero una bella esperienza organizzarla con l’università di Trento e sono stati due giorni molto intensi ma pieni di contenuti e di appuntamenti.

E’ stato molto bello poter vedere di persona alcuni amici della rete e trovare a Trento grandi nomi del Software Libero per supportare questo evento.

Dai primi feedback ricevuti la conferenza è piaciuta più o meno a tutti i presenti; l’unica nota sollevata è stata sulla collocazione degli interventi all’interno del calendario, ma questo lo potranno aggiustare i prossimi organizzatori. A proposito di questo è uscita una proposta di svolgere la terza edizione a Bologna, vedremo…

Sono molto felice anche se è stato un bell’impegno… In ogni caso il LinuxTrent ne ha in serbo ancora molte altre…

Il 16, 17 e 18 maggio 2008 si terrà a Trento la seconda edizione della Conferenza Italiana sul Software Libero. L’appuntamento Trentino è il seguito della prima edizione tenutasi nel maggio 2007 a Cosenza. Come nella precedente edizione l’obiettivo dell’evento è porre al centro il coinvolgimento e l’incontro di chi in Italia è attivo nella ricerca, nello sviluppo, nella promozione e nella diffusione del Software Libero.

Tra i temi di interesse della ConfSL, tutte le possibili aree tematiche legate al Software Libero, dagli aspetti economici, giuridici e tecnici, a quelli etici, sociali e filosofici. Sono previste sessioni tematiche ed eventi paralleli a carattere sia accademico che divulgativo, coinvolgendo imprese, enti pubblici, università ed enti di ricerca, sviluppatori, ricercatori, cittadini, operatori del settore, ed appassionati, per conoscersi e avviare
collaborazioni e progetti.

In particolare la struttura dei lavori è così suddivisa:

  1. Sessione divulgativa
    E’ dedicata al grande pubblico, affronterà le tematiche volte alla conoscenza del mondo del Software Libero, nonchè alle implicazioni ed ai risvolti più o meno conosciuti che la scelta di utilizzare Software Libero comporta.
  2. Sessione accademica
    L’obiettivo scientifico primario è quello di fare il punto sullo stato dell’arte del Software Libero in Italia, nei seminari e workshop previsti vengono pertanto affrontate le tematiche legate al Software Libero dal punto di vista di tutte le discipline accademiche.
  3. Open source – evento di brokerage
    E’ un evento associato alla ConfSL, (curato da Trentino Sviluppo) si tiene il venerdì pomeriggio ed offre specifiche opportunità di scambio e trasferimento di know-how, esperienze e tecnologie fra aziende, fornitori di tecnologie, ricercatori, associazioni ed enti pubblici, per creare delle reali opportunità di partenariato sia tecnologiche che commerciali fra i partecipanti.
  4. Mapping party – Open Street Map
    Il Mapping Party è un evento durante il quale openstreetmapper esperti e neofiti assoluti si ritrovano per mappare quanto più possibile di un luogo. Si tratta di un evento altamente sociale dove le persone si incontrano e parlano, intervallando sessioni di mapping.

La conferenza è organizzata dal GNU/Linux Users Group LinuxTrent Oltrefersina e dall’Università degli Studi di Trento mentre l’evento di brokerage è curato interamente da Trentino Sviluppo. La giornata dedicata al progetto OSM e’ curata dalla Fondazione Bruno Kessler.

Esistono tre tipi di quote per la registrazione, una “Gratuita” che non include alcun benefit e due quote, “Ridotta” e “Standard”, che prevedono tra le altre cose la consegna di tutti gli atti della conferenza.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito web ufficiale
della manifestazione: www.confsl.org oppure scrivendo a info@confsl.org

Gli ultimi aggiornamenti di Sid hanno un attimo incasinato l’upgrade di libdjvulibre21. L’errore in particolare era il seguente:

 Spacchetto libdjvulibre21 (da …/libdjvulibre21_3.5.20-5_i386.deb) …
dpkg: errore processando /var/cache/apt/archives/libdjvulibre21_3.5.20-5_i386.deb (–unpack):
tentata sovrascrittura di `/usr/share/djvu/osi/cs/messages.xml’, che si trova anche nel pacchetto libdjvulibre15
dpkg-deb: il sottoprocesso paste è stato terminato dal segnale (Pipe rotta)
Sono occorsi degli errori processando:
/var/cache/apt/archives/libdjvulibre21_3.5.20-5_i386.deb

Ho trovato in rete un veloce quanto semplicissimo workaround per sistemare:

# dpkg -P libdjvulibre15
# apt-get -f install

e poi via con tutto il resto. In poche parole basta il purge del singolo pacchetto e forzare l’install di quanto si è piantato in configurazione.

Fonte Forum Debianizzati